www.berardigiordano2013.com


L'Intervento
Votiamo per chi ci ha riconosciuti
e non per chi ci ha cancellati


05/02/13
di Luciano Gonella

Ormai da tempo sappiamo che anche gli italiani all’estero possono partecipare alle elezioni politiche italiane. Ad Ottawa ci sono circa 5000 italiani in possesso della doppia cittadinanza che possono quindi esercitare il diritto di voto dando la preferenza ad un candidato, sia per il Senato che per la Camera. Anche i voti degli italiani di Ottawa possono contare moltissimo, se non addirittura decidere, insieme agli altri provenienti da altre parti del mondo, quale formazione politica guiderà il prossimo governo. È importante ricordare che alle elezioni del 2008 il PDL riportò la vittoria, nella Ripartizione Centro e Nord America, per circa 1000 voti e ciò determinò la nomina al

Senato di Basilio Giordano che risiede a Montréal e che, dopo 5 anni di legislatura, ha deciso di ricandidarsi.
Vi invito caldamente a votare per il PDL e per Basilio Giordano per due ragioni di capitale importanza e che racchiudono una logica fondamentale. La prima di queste ragioni riguarda l’aver preso in considerazione che il PDL è andato al potere proprio nel 2008, anno in cui è iniziata la terribile crisi economica che ha colpito sia il Nord America che l’Europa, causando i disagi che noi tutti conosciamo, soprattutto in Grecia e Spagna. Oggi, sia il PD di Bersani che il Movimento di Monti, pretendono di avere la soluzione che può rilanciare l’Italia nel campo del lavoro e dell’economia nazionale.

Quando Berlusconi cedette il potere a Mario Monti, la disoccupazione in Italia era tra le più basse d’Europa  poiché si situava intorno all’8,4%, mentre quella giovanile si attestava sul 32%. Con il governo Monti, i disoccupati nel complesso sono saliti al 12% ed i giovani hanno toccato quota 37%. Complici gli aumenti spropositati delle tasse, la sbagliata riforma delle pensioni e l’introduzione dell’IMU (la tassa sulla casa), metà degli italiani ora ha ridotto i propri consumi, causando un danno incalcolabile a tutte quelle imprese costrette a fallire (in media 1000 al giorno) e quindi a licenziare.

Oggi il PDL è deciso, se premiato dagli elettori, a rimborsare i soldi  pagati per l’IMU e dare maggiore  respiro fiscale alle imprese italiane, soprattutto alle piccole,  che sono la spina dorsale del sistema economico  italiano, mentre il PD dice che apporterà solamente delle piccole  varianti;  come a dire che pretende di guarire l’ammalato grave con una dose di aspirina. E non dimentichiamo che proprio il PD di Prodi, di cui Bersani era Ministro, cancellò il Ministero per gli  Italiani all’estero, Ministero istituito nel 2004 da Berlusconi, con il Ministro Tremaglia. Chi voterà, questo schiaffo datoci dal PD (allora PDS) non dovrà dimenticarselo.
L’altra ragione è quella di rieleggere il Sen.Basilio Giordano, del PDL. Perché? Tutti noi conosciamo le difficoltà che un nuovo eletto che va a Roma incontra: non conosce nessuno, deve districarsi tra vari Ministeri, ignora i complicati meandri della politica italiana; in parole povere, deve fare la gavetta per potersi inserire efficacemte nel sistema. II Senatore Giordano, invece, che ha già trascorso 5  anni a Roma, questa gavetta l’ha fatta ed è  in grado, nella prossima legislatura, di poter svolgere con maggiore efficacia il proprio lavoro in favore degli italiani all’estero. Due motivi semplici, ma chiari e di buon senso, per votare PDL e riconfermare il Senatore Basilio Giordano.

senato repubblica
la diretta
pdl logo
forzasilvio